Ep.5: i quadri del Valentia e la Fondazione Longo

Sono molte le foto relative alla quinta puntata di INSIEME. I luoghi della cultura popolare. Perciò, per contestualizzare meglio, accompagnerò le immagini con alcuni spezzoni di “L’Arte per tutti“.

Da Melissa a Valenza

[…] In una delle sue visite, negli anni ’60, Ernesto Treccani fece dono alla Casa del Popolo Valentia del ciclo “Da Melissa a Valenza”. L’opera è un racconto per immagini, composto da dodici fotografie di Toni Nicolini e quattro grandi dipinti del milanese. In cui si narra il fenomeno dell’immigrazione dei contadini meridionali verso il Nord. Le due narrazioni si intersecano: “dalla fotografia il massimo di descrizione, dalla mia pittura il massimo di evocazione”, dichiara lo stesso Treccani. 

La via al socialismo

[…] Ma qui, l’opera che campeggia su queste pareti, è certamente “La via al socialismo” di Aurelio C. Una pittura murale gigantesca, su pannelli di faesite. Sono 60 mq totali, 20 di lunghezza e 3 di altezza. Pittore comunista, al quale era stato chiesto in ripetute assemblee pubbliche, organizzate anche dal critico d’arte di Milano De Michelis, era stato chiesto di rappresentare su queste pareti della Casa della Cultura, l’oggi e il domani. Quindi un’analisi dell’oggi e una proiezione nel futuro.

La Fondazione Longo

[…] La Fondazione Longo, oggi, ha sede in un capannone, nella zona industriale di Alessandria. È qui che ho chiacchierato con Guido e Margherita ed è qui che ho potuto vedere le opere descritte. La sede è stata inaugurata nel 2019 e i 750mq disponibili sono stati allestiti a mo’ di museo. Ora, quadri e sculture sono nuovamente visibili, gratuitamente, a tutti. 

IL VALENTIA

[…] La Casa del Popolo, ecco, qui c’è da fare ancora una piccola precisazione. I muri sono stati buttati giù e son stati fatti dei palazzi. Però ad esempio c’era una cosa che noi non siamo riusciti a portare via che era all’ingresso della casa del popolo: c’era un mosaico di Aligi Sassu. Un mosaico di piastrelle che contornavano tutto. E i padroni che hanno comprato, siamo riusciti a ottenere che almeno lì rimanesse qualcosa. E quindi sotto di questi palazzi ci son riportati pezzi di questo mosaico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.